laminazione acciaio sangoi blog

Devi zincare? Prima di procedere assicurati di scegliere l’acciaio giusto

Ciò che comunemente si definisce “zincabilità” di un materiale, è l’idoneità che il materiale stesso presenta alla zincatura a caldo per immersione. La zincabilità viene suddivisa dalla norma EN 10025-2 in 3 classi , che, basandosi sull’analisi chimica di colata, ne definiscono i contenuti degli elementi chimici significativi.

In particolare, come tu ben sai, la zincabilità è definita principalmente dalla quantità, di silicio (Si) e fosforo (P)contenuta nell’acciaio; gli elementi che influenzano il processo di zincatura.

Gli studi affermano che la presenza di silicio in quantità comprese tra 0,04 e 0,14% (intervallo di Sandelin) o superiori allo 0,25% (acciai iper-Sandelin) permette di velocizzare la reazione. In questo modo lo strato di zincatura ha uno spessore maggiore, ma  con  una minore resistenza meccanica agli urti, tendendo più facilmente a rompersi, pur proteggendo più efficacemente dalla corrosione allo stesso tempo.

Un altro elemento importante da valutare per la zincabilità di un acciaio è la quantità di fosforo che, in genere è opportuno sia contenuta entro lo 0,02%, con un aumento allo 0,035% per gli acciai così definiti in classe 3. Infatti, anche per acciai con tenori di silicio inferiori allo 0.03% o compresi tra 0,14 e 0,25%, l’effetto combinato di silicio e fosforo può influenzare il processo di zincatura, amplificando l’effetto Sandelin.

Classificazione degli acciai in base al contenuto di silicio (Si) e fosforo (P)

Per catalogare gli acciai, la norma EN10025-2 definisce tre classi in base alla loro composizione chimica:

Classe 1:        Si<= 0,03%     e         Si+2,5P<=0,09%

La zincatura effettuata su questi acciai normalmente presenta rivestimenti regolari con basso carico di zinco, quindi limitati spessori del rivestimento, e un aspetto brillante.

Classe 2:        Si<=0,35%

La Classe 2 è destinata ad impieghi e leghe di rivestimento particolari e, per gli articoli cui viene destinato il prodotto della Sangoi, non è comune. Gli acciai che rientrano in questa classe, laddove il contenuto di Silicio sia compreso tra 0,04 e 0,14% (Intervallo di Sandelin), oppure sia superiore a 0,25% (intervallo iper Sandelin), possono formare rivestimenti eccessivamente spessi e fragili, con resistenza ridotta o scarsa ai danni da movimentazione per scarsa adesione al substrato. Il rivestimento ha un aspetto dal grigio chiaro al grigio scuro e tessitura più grossolana.

Classe 3:        Si = 0,14%÷ 0,25%     e         P<=0,035%

Acciai di questa categoria o classe determinano rivestimenti regolari ma con spessori maggiori. L’aspetto può variare da brillante a grigio opaco. Per gli spessori più elevati il rivestimento può risultare fragile, quindi sensibile agli urti.

Che tipo di zincatura vuoi realizzare?

Sangoi può aiutarti a trovare il materiale più giusto alle tue necessità.

In genere la classe 1 è la più richiesta e conosciuta, ma i parametri vanno valutati bene. Nel caso di materiale destinato alla zincatura a caldo per immersione, è sempre meglio chiedere al proprio fornitore, in sede d’offerta, quale sia la classe di zincabilità che questi può garantirti in relazione al grado qualitativo ed allo spessore del materiale che intendi ordinare.

Servono maggiori dettagli?

Chiedi ai nostri tecnici!

Con Sangoi e la formula Steel Up® puoi trovare l’acciaio giusto e molto di più.

 

Scopri di più qui

 

Alessandra Sangoi

Alessandra Sangoi
CEO

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

You have Successfully Subscribed!